il blog

Attrezzatura da makeup artist, 100 consigli per chi sta iniziando: Parte 2 – Skin Care

Skin-Care-100-consigli-Attrezzatura-da-makeup-artist-carlo-Capezzera

Credits Copertina: PH: Valeria Trasatti | Model: Romila Strub | Makeup&Hair Carlo Capezzera

Seconda parte dei 100 consigli per costruire un kit da Makeup Artist professionista: Skin Care

Struccanti, idratanti e altri prodotti: skin care e cura della pelle per esigenze lavorative

Se ancora non hai letto la prima parte, ti consiglio di andare QUI e poi tornare a leggere la seconda.

La cosidetta “Skin Care” è quella parte fondamentale di ogni buon trucco che riguarda la detersione e l’idratazione del viso, momenti importanti che preparano la pelle e che fanno funzionare bene tutto il resto. Il trucco inizia proprio da qui e non successivamente. Le esigenze lavorative però si diversificano e non sempre coincidono. Skin Care non vuol dire solo questo ma tante altre cose che riguardano appunto la cura della pelle, non solo del viso in realtà e non solo finalizzata al trucco. Ma qui parlerò solo delle esigenze di lavoro in ambito skin care legate al makeup.

Il mio approccio è pratico, versatile e quanto più possibile “universale”. Le esigenze della pelle sono tante e diversificate, ma nella maggior parte delle occasioni non abbiamo il tempo, le risorse e la necessità di usare particolari prodotti che se pur usati non darebbero alcun risultato nell’immediato. La cura della pelle prevede una routine specifica, personale e continuativa per dare i risultati richiesti.

In realtà ci sono metodi che possono dare risultati reali anche con le tempistiche spesso restrittive di un set, ma prevedono degli approfondimenti che  nelle fasi iniziali non è possibile imparare, quindi meglio fare quel poco necessario ma fatto bene per poi in futuro acquisire ulteriori e più approfondite capacità. Ovviamente questa è la mia opinione, la si può condividere oppure no.

Ad esempio, un ottimo investimento formativo per chi vuole acquisire conoscenze in merito alla cura della pelle, in maniera specifica per esigenze di lavoro di un makeup artist è il protocollo

2ONEZERO

di Daniela Arrigoni, Senior Makeup Artist che ha messo a punto un protocollo specifico che guarda anche alle tempistiche del set.

Quindi il mio approccio è questo:

a meno che non si tratti di una consulenza specifica oppure se sto lavorando con una sposa, in tutte le altre occasioni (servizi fotografici, video, eventi vari) il nostro lavoro può limitarsi ad eseguire quello per cui siamo stati chiamati e quindi la nostra esigenza è quella di rispettare lo stato della pelle, non alterarlo e non provocare “danni” immediati  o futuri. La nostra esigenza può limitarsi a preparare la pelle del viso per tutte le fasi successive, affinchè si abbia un ottima resa di finish e di durata.

Oltre a questa considerazione generalmente la fase di skin care è in genere basica, la detersione si limita a rimuovere impurità superficiali o eccessi di sebo su un viso già struccato o poco truccato, mentre la fase di idratazione è solo finalizzata a quello specifico look. Chiaramente quando dico “generalmente” non sto dicendo che non ci capiterà di dover togliere quel paio di etti di mascara che a volte troviamo.

Il mio prodotto preferito per struccare rimane il latte detergente o le emulsioni cremose. Questo però richiede un passaggio secondario con tonico o altro. Ho trovato però un prodotto che in parte risolve il “doppio passaggio”, lo elenco sotto tra gli struccanti.

Per questo consiglio di indirizzarvi verso una skin care facile, veloce, pratica. La parola d’ordine dovrebbe essere razionalizzare. Questo almeno all’inizio. Poi nel tempo acquisirete altre conoscenze, competenze, avrete altre esigenze e deciderete di utilizzare specifici prodotti.

Il consiglio che quindi mi sento di dare per quanto riguarda la cura della pelle per esigenze di lavoro è di dotarsi di tre/quattro prodotti:

  • Acqua micellare perchè è versatile, veloce, delicata ed evita l’uso di altri prodotti, quindi meno prodotti da acquistare e da portare nel proprio kit, meno peso, meno ingormbro, più facilità.
  • Latte detergente che non necessita di risciacquo e/o tonico
  • Acqua termale o semplice acqua nebulizzata per rinfrescare e rimuovere eventuali residui
  • Crema idratante fluida ricca in elementi ma leggera nella consistenza, che sia un prodotto versatile sia per idratare che per struccare se necessario, ma anche ottima per fluidificare altri prodotti come fondotinta, correttori o altro ancora.

Queste sono le marche che ho usato o che uso abitualmente.

Latte detergente

L’ho scoperto collaborando per RILASTIL, si tratta di un latte detergente che può essere anche usato senza risciaquo. Si usa come un normale latte detergente e si rimuove con una velina o dischetto struccante dopo aver sciolto tutto il makeup da rimuovere. Si ripete se necessario e poi si può eventualmente anche non sciacquare con acqua oppure si può nebulizzare una acqua termale o semplice acqua fresca e asciugare con una velina o dischetto. Particolarmente adatto a pelli da normali a secche, sensibili, intolleranti e che necessitano di un “ingrassaggio” anche in fase di detersione. Oltre che su Amazon lo trovate in genere in Farmacia.

Acqua micellare

Bioderma

Avène

RILASTIL

Queste sono le tre marche, in ordine di preferenza, che uso per lavoro abitualmente. Le ragioni sono diverse e le spiegherò in alcune review specifiche, ma posso riassumerle in questi punti:

  • Profumazione e tolleranza: evito quando posso di usare prodotti con profumi specifici perchè non posso sapere cosa la persona può gradire oppure no. Evito quindi di creare problemi a monte. L’assenza di profumazione poi riduce il rischio di intolleranza.
  • Efficacia: il prodotto deve essere delicato ma deve anche fare il suo lavoro e farlo bene e velocemente.
  • L’aspetto “marca” ha il suo peso. Possiamo concordare oppure no ma sta di fatto che certi brand sono più conosciuti perchè presenti nei kit della maggior parte dei professionisti e quindi in qualche modo vengono legati alla professione stessa.

Idratazione

Per quanto riguarda l’idratazione del viso per esigenze lavorative, mi permetto di sconsigliare creme idratanti dalla consistenza morbida ma compatta e in vasetto. Questo non perchè il prodotto non sia valido, ma perchè non è quasi mai valido per le esigenze professionali.

La crema meno fluida potrebbe non funzionare bene con i prodotti successivamente applicati e non è versatile e “universale” tanto quanto la texture fluida. Il vasetto va bene per l’uso personale (ed anche qua ci sarebbe da dire) ma non si adatta alle esigenze di igiene e velocità che abbiamo sul lavoro. Creme “da supermercato” dalla texture fluida e a prezzi inferiori ai 10€ sono molto difficili da trovare.

L’errore inoltre che si fa è di indirizzarsi verso costi bassi. L’esigenza di risparmiare la conosco perfettamente, è uno degli scopi di questi post, ma è necessario capire dove indirizzare il risparmio per reale convenienza e dove invece scegliere un costo leggermente più alto che ripaga però nelle caratteristiche di quel prodotto. Per la crema idratante è meglio non comprare un prodotto qualsiasi.

Embryolisse
embryolisse-carlo-capezzera-moisturizers-crema-idratante-nutriente-base-primer.jpg

Questo prodotto è effettivamente diventato famoso tra gli addetti ai lavori ed è spesso presente sul “tavolo operatorio” di tanti makeup artist in giro per il mondo. Il motivo non è tanto la qualità della crema ma la sua “versatilità”. E’ per questo motivo che da anni ormai non lo cambio.

  • Perché è una ottima crema adatta a tutti i tipi di pelle o almeno alla grande maggioranza.
  • Perchè il formato da 75ml è conveniente ma esiste anche un formato da 30ml che riduce ulteriormente gli spazi (anche se è meno conveniente).
  • Perchè è un prodotto multitasking, è un ottimo struccante all’occorrenza, nel caso si abbia bisogno di un prodotto cremoso e grasso. E’ un ottimo diluente per una vasta gamma di prodotti fluidi e in crema. Evita quindi l’acquisto e il trasporto di altri prodotti (fattore convenienza).
  • Perchè è adatta anche per l’uomo.
  • Discorso “immagine”

 

Rilastil Aqua

Le caratteristiche di questa crema sono piuttosto simili a quelle della precedente, è una ottima alternativa in caso di difficoltà a reperire la Embryolisse. Ganassisi è sinonimo di qualità e ricerca tutta Italiana. La mia raccomandazione è però quella di scegliere questo prodotto nello specifico: Crema idratante della linea AQUA. E’ ottima anche la Crema Legere o la Optimale ma preferisco la idratante normale, per lo specifico uso.

 

Rilastil Acnestil

Sempre di RILASTIL e quindi Istituto Ganassini la crema Acnestil. Di norma non amo usare creme specifiche per le normali esigenze fotografiche, nel caso di pelli particolarmente grasse o secche mi regolo con l’idratazione in genere. Tuttavia può essere utile avere una crema più specificatamente sebonormalizzante. Questa in particolare trovo che normalizzi ma senza esagerare, fornendo comunque quella parte “grassa” che per quanto concerne il mio stile e la mia esperienza è necessaria. E’ perfetta per la pelle dell’uomo nel caso ci sia un reale eccesso di sebo. Fate attenzione a provare eventualmente la Acnestil normale e non la Acnestil MAT, che è sempre un ottimo prodotto ma non adatto a mio avviso come base perchè tende ad opacizzare troppo.

 

MAC PREP + PRIME NATURAL RADIANCE

Pur essendo classificato da MAC come primer, si tratta a tutti gli effetti di una base idratante. L’ho usata molto agli inizi e ha sempre soddisfatto le mie aspettative. Ha una formulazione equilibrata che non secca ma non ingrassa neanche, esiste in due colorazioni che aiutano ad illuminare l’incarnato, Radiant Yellow e Radiant Pink, personalmente preferisco la Yellow perchè trovo si adatti maggiormente alla maggior parte degli incarnati. Ad ogni modo si tratta di una colorazione estremamente sottile, non è una crema colorata. Il costo è di 43€ da scontare eventualmente se siete professionisti o studenti o estetiste secondo il programma MAC Pro.

Acqua

Uno spruzzino con della semplice acqua fresca è sempre utile per diversi usi, dalla preparazione al fissaggio passando per l’applicazione dei prodotti.

Eventualmente può essere utile una acqua termale e queste sono le marche che uso solitamente

Avène

La differenza tra le due sta nei minerali contenuti, in futuro scriverò eventualmente delle review più approfondite ma non è questo lo scopo di questa guida.

 

Questa è la mia dotazione base che mi ha sempre assicurato ottimi risultati. Il mio consiglio è quindi, marche a parte, di pensare con razionalità:

  • Valutarli per le loro caratterisitiche e sperimentarli per imparare ad usarli e sfruttarli al meglio.
  • Ragionare sugli acquisti considerando la convenienza dei prodotti che coprono diverse esigenze e quindi convengono nel prezzo perchè evitano l’acquisto ed il trasporto di altri.
  • Cercare canali di acquisto che offrono sconti e vantaggi. In questo troverete un continuo aggiornamento ne “IL NEGOZIO” perchè cercherò di inserire proprio le offerte migliori.

Altri prodotti

Aggiungo ora alcune valutazioni che riguardano altri prodotti non essenziali ma che possono essere validi in combo con l’approccio base.

 

Contorno occhi

Personalmente non uso specifici prodotti per il contorno occhi, non sempre almeno, ma ho due prodotti nel mio kit che di volta in volta valuto se usare o meno.

Questo contorno occhi e labbra ha una texture corposa ma comunque leggera e ben si presta nel caso di contorno occhi piuttosto secco che quindi necessita di una particolare attenzione per evitare di accentuare segni e pieghe.

MAC Cosmetics, FAST Response Eye Cream

Ottimo prodotto che aiuta a ridurre i gonfiori agendo velocemente ed è un prodotto molto utile anche per ritoccare le sbavature dell’eye-liner grafico o del contorno labbra.

 

Chiudo con l’ultima sezione, cioè le labbra. E’ assolutamente necessario avere un balsamo labbra per idratare e preparare la zona. Personalmente adotto due soluzioni a seconda anche di quello che ho a disposizione.

Nel mio kit non manca mai la Vaselina

Perchè è utile per molteplici scopi, trattamento labbra, lucidatura palpebre, mescolata al gloss è ottima per tutti gli effetti gloss aumentando la resa e la durata dell’effetto, è utilissima per chi lavora anche con gli effetti speciali. Al solito, la mia preferenza per i prodotti multiuso è sempre presente.

Carmex in versione tubetto o Pot, è per me tra i migliori prodotti per le labbra per uso lavorativo.

MAC Cosmetics, Lip conditioner

E’ un prodotto che un po’ mi fa infuriare, perchè il costo di 18€ per 15 ml non è di sicuro attraente. Tuttavia la sua efficacia è indubbia, in particolare quando si hanno condizioni di screpolatura difficili e si necessita di ottenere un certo risultato nel tempo di preparazione del viso prima di arrivare alle labbra. Non posso quindi non nominarlo e consigliarlo.

 

Concludo qui questa seconda parte specificando che non si esaurisce qui la possibilità di prodotti utili al nostro lavoro e a questa fase in particolare. Nel post conclusivo che forse sarà una sorta di appendice sto raccongliendo una serie di prodotti in più da poter valutare in futuro ma che non sono strettamente necessari.

Come sempre vi invito a partecipare nei commenti per chiedere qualsiasi cosa, a condividere e vi do appuntamento per il successivo argomento che riguarderà i pennelli.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest

Post recenti

Impazzire per un sito

Qualcuno mi sta seguendo, lo so perchè me lo avete detto e mi fa piacere che chiediate informazioni sugli aggiornamenti della mia attività. Per questo

Leggi Tutto »